In molte parti del mondo è ancora ampiamente diffusa la discriminazione di genere, espressione che subito fa virare l’interpretazione verso la discriminazione del genere femminile. La globalizzazione non ha portato, fra l’altro, al riconoscimento, alla diffusione e alla possibilità di una effettiva realizzazione dei diritti del genere femminile, diritti peraltro conquistati e riconosciuti in primo luogo nelle società e nelle culture occidentali, in cui comunque permane una situazione parzialmente discriminatoria.

Leggi la rivista

In questi ultimi anni si è assistito ad un notevole incremento dell’attenzione per la sfera del “femminile” nell’ambito del pensiero filosofico. In particolare, l’emersione e riemersione di figure di pensatrici come la Arendt, la Stein, la Zambrano, la Weil – e molte altre – ha favorito il recupero di un aspetto del pensare per troppo tempo tralasciato e messo in secondo piano.

Scopri di più

Contatti

Per qualsiasi informazione puoi contattarci.

Contattaci

Proposte di lettura